portale diversabilit�
Nonsoloabili.org - di Francesco Demofonti
gioved� 2 aprile 09 - 23:07
Per la pubblicità su questo sito | CANALE DEL NETWORK DA 25 MESI   

  Canali Network: Roma | Milano | Napoli | Torino | Salerno | Sicilia | Sardegna | Sport | Cinema | Spettacolo | Politica | Economia | Società | Cultura | Viaggi | Shopping | Promozioni
 
Email | nonsoloabili di Francesco Demofonti
 

Disabili a scuola, ma non in classe

di Gabriela Jacomella.

Diciamolo subito, a scanso di equivoci: nel tanto vituperato decreto Gelmini, l�integrazione scolastica delle disabilit� non viene neanche nominata. Eppure in piazza, venerd� a Roma, c�erano anche loro. Insegnanti di sostegno, associazioni di genitori. A manifestare contro la riforma, ma soprattutto contro un ministero che, di nuovo, sembra essersi dimenticato di quello che un tempo era il vanto dell�istruzione italiana. E che invece si ritrova ormai da anni ad annaspare tra fondi che vengono tagliati o che proprio non ci sono mai stati, percorsi di formazione a dir poco tortuosi, furberie e inanit�. L�allarme in cifre. Nelle �disposizioni urgenti in materia di istruzione e universit� � non c�� dunque traccia di handicap, sostegno, formazione. Forse perch�, per Viale Trastevere, l�integrazione delle disabilit� non � un�urgenza. Eppure: 164.392 alunni, su 4 ordini di scuola statale. Oltre 53mila insegnanti in organico a tempo indeterminato (a cui vanno aggiunti circa 40mila precari). E il quadro si complica se, a quel 2-3% di ragazzi �ufficialmente� certificati dalle Asl, si unisce � dati del Centro Studi Erickson (www.erickson.it ) � un altro 15-20% con difficolt� educative, apprenditive, di comportamento e relazione. Fenomeni in crescita, dicono gli esperti. A luglio, ilministero ha emesso una direttiva � la 69 � in cui, per le �iniziative di potenziamento e di qualificazione dell�offerta formativa di integrazione� degli alunni con handicap, sono stanziati 10.500.000 euro. Che, calcolatrice alla mano, fanno meno di 64 euro ad alunno e poco pi� di 196 a docente. C�� da aggiungere la scure abbattutasi sui costi scolastici: -7.832 milioni di euro, tra 2009 e 2012. Nessun taglio ai posti di sostegno, giurano dal ministero. Per�: maestro unico, in classi che hanno fino a 29 ragazzi, contro i 25 di qualche anno fa (e senza pi� �sdoppiamento � automatico in presenza di disabili). Riduzione del personale ausiliario, e a volte sono proprio loro, ad esempio, che portano in bagno il bimbo in sedia a rotelle. Monte ore che si assottiglia, alle elementari, quando per molte famiglie con figli �speciali� la scuola � il solo porto sicuro. Integrazione mancata. Non � solo una tendenza del governo attuale. Lo stesso Fioroni, per dire, sub� pesanti contestazioni; e fu la finanziaria 2008 a introdurre il rapporto medio nazionale di un posto di sostegno ogni 2 disabili, a prescindere dall�handicap. �Quel che ha fatto il governo Prodi � un abominio: determinare l�organico in base a un puro rapporto numerico. La Gelmini si � trovata il taglio pronto su un piatto d�argento �. Non usa la mano leggera, Antonio Nocchetti. Medico, due figlie (�non disabili�), � il presidente di Tuttiascuola (www.tuttiascuola.org ), associazione napoletana di genitori di ragazzi con handicap. �Dobbiamo avere il coraggio di dire la verit�: la politica non � pi� in grado di sopportare i disabili nelle scuole pubbliche, perch� sono diventati un costo inaccettabile �. �La nostra integrazione scolastica ha tanti anni, ma ho paura che oggi venga data per scontata. Mentre all�estero stanno lottando per averla � in Europa, solo Grecia e Portogallo sono schierati sull�inclusione, gli altri hanno sistemi misti con scuole e classi speciali �, da noi c�� un impoverimento del sentire che l�alunno con disabilit� � parte integrale e integrata della classe�. A parlare � Dario Ianes, pedagogista all�universit� di Bolzano, fondatore e condirettore del Centro Studi Erickson. �Inserimento �, �socializzazione�: dalla 118/1971 alla 104/1992, �la legge dice esplicitamente che il sostegno si fa "alla classe". Le risorse aggiuntive sono ben date se vanno alla collettivit�, non � che appiccichi un insegnante al disabile e lo mandi in un�altra aula...�. E invece, �una ricerca di prossima pubblicazione, realizzata con Andrea Canevaro dell�Alma Mater e Luigi D�Alonzo della Cattolica, ha rivelato che il bimbo disabile passa molto tempo fuori dalla classe: solo uno su 2, alle superiori, � sempre "dentro". Alle materne ben il 35% sta "un po� dentro un po� fuori", una quota che sale al 60% alla primaria, al 69% alle medie. Sono medie e superiori, oggi, la nuova frontiera�. Non solo numeri. �L�abbiamo visto anche noi che con loro la scuola diventa pi� difficile. Qualche volta viene la tentazione di toglierseli di torno. Ma se si perde loro, la scuola non � pi� scuola. � un ospedale che cura i sani e respinge i malati�. Lo scrivevano, pi� di 40 anni fa, gli alunni di don Lorenzo Milani, in Lettera a una professoressa. Parlavano dei loro coetanei �difficili�, espulsi dalle scuole �dei ricchi�. Ma la riflessione si adatta anche a quei bambini �diversi� che la scuola, spesso, non sa pi� accogliere, perch� le mancano gli strumenti per farlo. Come, ad esempio, un numero sufficiente di docenti specializzati e in organico a tempo indeterminato (non supplenti �in deroga�), per garantire continuit� a studenti gi� di per s� fragili. �Di solito si entra nel sostegno per poi passare sulla propria materia� ammette Gabriella Villanis, che insegna in una media di Napoli �. Io per� ho fatto l�inverso: sono entrata con un concorso a cattedre per matematica e scienze, mi sono appassionata, eccomi qua�. Da vent�anni a tu per tu con la disabilit�. Quasi una mosca bianca: perch�, spiega Ianes, �il livello di cambiamento e precariet� � molto pi� alto nel sostegno che in altre classi di concorso. Per contro, pi� hai un corpo docente stabile, meno ore di sostegno vengono richieste. Basterebbe una metodologia didattica pi� cooperativa, avanzata...�. E qui entra in gioco un altro problema: la formazione. Ianes scuote la testa, �sono presidente del corso di laurea in Scienze della formazione primaria, ma noi stessi non sappiamo ancora che percorso debbano seguire gli studenti�. Il punto � che s�, �c�� un titolo che si ottiene con 400 ore di specializzazione, ma dato che di docenti formati non ce n�� abbastanza, si prende chi capita�. E la formazione in itinere? �L�aggiornamento, oggi, non � obbligatorio n� retribuito�, spiega lapidaria la Villanis. L�unica indagine nazionale sul tema, realizzata dall�Invalsi nel 2005-2006, rivela dati sconcertanti: quasi un istituto statale su 3 non ha docenti curricolari con formazione sulla disabilit�. Nelle private, si sale al 68%. Con buona pace del lavoro di squadra. Soldi che non ci sono, numeri che non tornano: come quelli del monte ore di sostegno, �sempre troppo poche�sospira la prof �. Allora si fa richiesta di integrazione, che a volte viene soddisfatta, altre no. E i genitori, disperati, fanno causa�. Ne sa qualcosa Nocchetti, che con la sua associazione ha portato 280 casi davanti al Tar: tutti vinti. Perch� �� vero che il bambino disabile va preso in carica da tutto il team. Ma la situazione � tale che l�unico modo per arginare la falla � mettere le mani sugli insegnanti di sostegno �. Il 5 ottobre, Ianes e Canevaro hanno lasciato l�Osservatorio ministeriale sull�integrazione: �Questa nuova politica scolastica fatta di tagli, economie presunte (...)�si legge nella lettera di dimissioni � produce in tutti ulteriore insicurezza, diffidenza e conflitti�. �Nella scuola italiana � chiude Nocchetti � ci sono ormai 600mila bimbi migranti, che sommmati ai disabili fanno quasi 800mila bambini. E i fondi? E la formazione? Altrimenti, trovino il coraggio di ammetterlo: la scuola pubblica deve diventare il ricettacolo dei paria �. Gabriela Jacomella. Fonte: http://www.corriere.it/cronache/08_ottobre_20/disabili_a_scuola_jacomella_13e0dbb8-9e7c-11dd-b7ca-00144f02aabc.shtml 22 / 10 / 2008

diventa amico di questo sito su Facebook
conoscerai gli autori del network e gli altri lettori


Scrivi la tua opinione sull'argomento
le tue opinioni saranno pubblicate nello spazio Forum


Il tuo nome

(facoltativo)





Voci correlate

 

Pubblica il tuo banner su questo sito

Altri articoli
su argomenti simili
31/03/2009
Scuola, Ministero: al massimo 20 alunni in classi con disabili

31/03/2009
Ciclismo: nasce Essercina-Argo, team disabili per Paralimpiadi 2012

28/03/2009
Cai, Battaglia: `Revocare concessione se non assume disabili`

28/03/2009
Fare Ambiente: posti barca riservati nei porti italiani

22/03/2009
Retinite pigmentosa. Pranzo di solidariet�: a Castenaso cuochi disabili ai fornelli


News Social Network

News scuola

News disabili

News Gelmini

 

Altre news
sugli argomenti

Iscriviti alla newsletter
Network news
02/04/2009
Il cinque e cinque livornese diventa una tragitto turistico da visitare e assaporare

02/04/2009
Economia: la Bce taglia ancora i tassi. Cosa cambia per le rate dei mutui

Network videonews

Tutte le videonews

Altri canali

Ambiente
Cinema
Disabilità
Musica
Scuola
Viaggiare

 



Site Map: Archivio pagine web Archivio news: 2009/04 - 2009/03 - 2009/02 - 2009/01 - 2008/12 - 2008/11 - 2008/10 - 2008/09 - 2008/08 - 2008/07 - 2008/06 - 2008/05 - 2008/04 - 2008/03 - 2008/02 - 2008/01 - 2007/12 - 2007/11 - 2007/10 - 2007/09 - 2007/08 - 2007/07 - 2007/06 - 2007/05 - 2007/04 - 2007/03 -
  portale di Francesco Demofonti (NSA) pagina pubblicata in 0 secondi
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Francesco Demofonti a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testali e grafici pubblicati sul sito - email francescodemofonti@libero.it
Contenuti pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons salvo diverse indicazioni
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.
per la pubblicità su internet



DecorCollection歐洲傢俬| 傢俬/家俬/家私| 意大利傢俬/實木傢俬| 梳化| 意大利梳化/歐洲梳化| 餐桌/餐枱/餐檯| 餐椅| 電視櫃| 衣櫃| 床架| 茶几

橫額| 貼紙| 貼紙印刷| 宣傳單張| 海報| 攤位| foamboard| 喜帖| 信封 數碼印刷

QR code scanner| inventory management system| labelling| Kiosk| warehouse management|

邮件营销| Email Marketing| 電郵推廣| edm营销| 邮件群发软件| edm| 营销软件| Mailchimp| Hubspot| Sendinblue| ActiveCampaign| SMS

Tomtop| Online shop| Online Einkaufen

地產代理/物業投資| 租辦公室/租寫字樓| 地產新聞| 甲級寫字樓/頂手| Grade A Office| Commercial Building / Office building| Hong Kong Office Rental| Rent Office| Office for lease / office leasing| Office for sale| Office relocation

香港甲級寫字樓出租

中環中心| 合和中心| 新文華中心| 力寶中心| 禮頓中心| Jardine House| Admiralty Centre| 港威大廈| One Island East| 創紀之城| 太子大廈| 怡和大廈| 康宏廣場| 萬宜大廈| 胡忠大廈| 信德中心| 北京道1號| One Kowloon| The Center| World Wide House

| 國際小學| 英國學校| International schools hong kong| 香港國際學校| Wycombe Abbey| 香港威雅學校| school day| boarding school Hong Kong| 香港威雅國際學校| Wycombe Abbey School

Addmotor Electric Bike| Electric bike shop / electric bicycle shop| Electric bike review| Electric trike| Fat tire electric bike| Best electric bike| Electric bicycle| E bike| Electric bikes for sale| Folding electric bike| Electric mountain bike| Electric tricycle| Mid drive electric bike Juiced Bikes Pedego Rad-Power